CONTATTI
Seguici sui nostri Social

cerca nel sito

Seguici sui nostri Social

Lun - Ven: 9:00 - 17:30

Orari di apertura

Restauro

Termine del procedimento: 120 giorni

Con il termine “restauro” il Codice dei beni culturali e del paesaggio) intende “l’intervento diretto sul bene attraverso un complesso di operazioni finalizzate all’integrità materiale ed al recupero del bene medesimo, alla protezione ed alla trasmissione dei suoi valori culturali” ( d.lgs. 42/2004, art. 29 comma 4).

L’ente proponente deve inviare formale richiesta di autorizzazione al restauro alla Soprintendenza archivistica e bibliografica . L’istanza deve essere corredata dai seguenti allegati:

· Progetto dettagliato dell’intervento che si intende eseguire curato da un restauratore o ditta qualificata

· Il progetto di restauro comprensivo del costo degli interventi da realizzare.

· Cronoprogramma delle attività

· Fotografie dei beni oggetti dell’intervento.

· Curriculum professionale del restauratore

Ricevuta l’autorizzazione, l’ente proponente, comunicherà la data di inizio e di fine dei lavori e sarà possibile concordare un eventuale sopralluogo preventivamente e/o in corso d’opera, per eventuali criticità che si dovessero riscontrare.

Infine, al termine dei lavori di restauro, l’ente invierà una dettagliata relazione degli interventi realizzati e relative fotografie. Per approfondimenti sul restauro di beni archivistici e librari si rimanda all’Istituto Centrale per la Patologia degli Archivi e del Libro (ICPAL) e al Laboratorio di restauro della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (BNCF).